©M. Fremont/CRT Centre Val de Loire - CASTELLO DI AZAY-LE-RIDEAU ©F. Colin/CRT Centre Val de Loire - CASTELLO DI AZAY-LE-RIDEAU CASTELLO DI AZAY-LE-RIDEAU ©Henneghien//CRT Centre Val de Loire - CASTELLO DI AZAY-LE-RIDEAU CASTELLO DI AZAY-LE-RIDEAU ©C. Lazi/CRT Centre Val de Loire - CASTELLO DI AZAY-LE-RIDEAU
CASTELLO DI AZAY-LE-RIDEAU
CASTELLO DI AZAY-LE-RIDEAU
CASTELLO DI AZAY-LE-RIDEAU
CASTELLO DI AZAY-LE-RIDEAU
CASTELLO DI AZAY-LE-RIDEAU
CASTELLO DI AZAY-LE-RIDEAU
CASTELLO DI AZAY-LE-RIDEAU
CASTELLO DI AZAY-LE-RIDEAU
CASTELLO DI AZAY-LE-RIDEAU
CASTELLO DI AZAY-LE-RIDEAU

Interni del Castello d'Azay-le-Rideau

L'interno del castello d’Azay-le-Rideau testimonia dell’influenza dell’Italia durante il Rinascimento francese. La scala presenta, all’interno, una ricca decorazione scolpita, medaglioni all’antica, soffitto a cassettoni e ornato con fiori. Le sale sono decorate con arazzi del XVI e del XVII secolo: scene dell’Antico Testamento realizzate a Audenarde e ad Anversa, scene di caccia della manifattura di Beauvais ed episodi della storia di Rinaldo e Armida, realizzati su cartoni di Simon Vouet, nella manifattura del faubourg Saint-Marcel a Parigi.

Il mobilio e la decorazione interna sono di grande ricchezza ; magnifici mobili e quadri, tra cui numerosi ritratti reali, decorano le sale.

Gli appartamenti nel corso dei secoli

All’interno, sale del XVI secolo, appartamento reale e saloni decorati nel XIX secolo in stile neo-rinascimentale).

• Al primo piano, l’appartamento reale che accolse Luigi XIII nel 1619, è composto da un’anticamera e da una camera. Sulle pareti dell’anticamera, ricoperte di tessuto rosso e oro, sono appesi i ritratti dei re di Francia (Francesco I, Enrico III, Luigi XIII). Nella camera, si possono ammirare gli arazzi che raccontano la storia di Rinaldo e Armida, un secretaire in legno di pero annerito, con tarsie in avorio e scene della guerra dei Trent’Anni.

Il grande salone, posto quasi sempre al primo piano, è nel 1500 il luogo in cui si svolgono le feste ed i ricevimenti: le pareti sono ricoperte di arazzi che illustrano scene dell’Antico testamento e il soffitto è alla francese con travi a cassettoni e sagomature.

La camera blu detta camera di Psiche presenta quattro arazzi con episodi della storia di Psiche e Cupido; tessuti nel XVII secolo a Bruxelles, facevano parte di una serie di 17 arazzi ordinati da un ricco negoziante italiano. La presenza di questo arredo, illustra il gusto del Rinascimento per la cultura antica e per la mitologia.

La camera del XVI secolo presenta un arredo tipico degli spazi privati del Rinascimento: un letto, la credenza e la cattedra. L’ambiente che si trova in una torretta adiacente, poteva servire da oratorio, biblioteca o guardaroba.

Il pianterreno è stato ristrutturato dal Marchese de Biencourt.

La biblioteca le cui pareti sono ricoperte di legno e di tela dipinta con motivi vegetali neo-rinascimentali (girali), possiede un camino dipinto con lo stemma dei Biencourt. Un insieme di stampe e di cartine presenta le trasformazioni realizzate sulle facciate del cortile d’onore e sul tracciato del parco.

Il pavimento della vasta cucina voltata ad ogiva è stato rialzato nel 1800 quando si è proceduto alla ristrutturazione del pianterreno. Il pozzo ed il sistema d’evacuazione delle acque risalgono al XVI secolo. Sul camino, lo stemma di Gilles Berthelot.

Il mobilio del grande salone che si trova dopo la sala da biliardo testimonia dell’arte di vivere del XIX secolo. Il Rinascimento è presente grazie alla serie di ritratti reali(la famiglia di Carlo Quinto, Enrico II e Caterina de’Medici). “La Dame au bain” copia del celebre quadro di François Clouet, ritrattista di Francesco I, rappresenterebbe Diana di Poitiers. Infine, il camino è ornato con una salamandra e con elementi scultorei caratteristici del Rinascimento. Sulle finestre, le vetrate aggiungono un tocco d’eleganza alla decorazione raffinata della stanza.

….e ben altre ancora.

Per maggiori informazioni sul castello d'Azay-le-Rideau>>