©JS.Mutschler/CRT Centre Val de Loire - Città reale di Loches ©JS.Mutschler/CRT Centre Val de Loire - Città reale di Loches ©L.Chevalier/CRT Centre Val de Loire - Città reale di Loches ©Richard/Touraine Cote Sud - Città reale di Loches ©P.Duriez/CRT Centre Val de Loire - Città reale di Loches ©L.Chevalier/CRT Centre Val de Loire - Città reale di Loches
CITTÀ REALE DI LOCHES
CITTÀ REALE DI LOCHES
CITTÀ REALE DI LOCHES
CITTÀ REALE DI LOCHES
CITTÀ REALE DI LOCHES
CITTÀ REALE DI LOCHES
CITTÀ REALE DI LOCHES
CITTÀ REALE DI LOCHES
CITTÀ REALE DI LOCHES
CITTÀ REALE DI LOCHES

La città reale di Loches è situata nella regione Centre Val de Loire. All'origine, la città è un piccolo borgo di transito della valle dell’Indre, sull’antica strada mercantile tra Amboise e Poitiers. Verso l'anno mille, Loches diventa una piccola città medievale. Nel X secolo, le liti incessanti che oppongono i conti di Blois ai conti di Angiò, sono all'origine del suo sviluppo. L’angioino Geoffroi Grisegonelle si stabilisce a Loches e fa costruire una chiesa. Suo figlio Foulques Nerra fa costruire l’enorme torre quadrangulaire ancora visibile al giorno d'oggi.

DA NON PERDERE

Un po’ di storia

Risalite il tempo e scoprite una delle più belle piazzaforti della Francia. Il mastio, alto 36 metri, fra i più imponenti della sua epoca, è uno dei meglio conservati, fu costruito dal conte di Angiò, Foulques Nerra, all'inizio dell’XI secolo. Modello d'architettura militare, è trasformato in prigione da Luigi XI.Gli appartamenti reali, nelle vicinanze, gioiello del Rinascimento francese, importante luogo della Storia della Francia, è stata una residenza di predilezione della dinastia dei Valois. La sua facciata aperta in terrazzo domina la città e la valle dell’Indre. L’edificio ha, in particolare, accolto Giovanna d'Arco, Agnese Sorel e Anna di Bretagna.

Per saperne di più

TESORI NASCOSTI

Scoprite

Già dal padiglione d'entrata del mastio, dietro il barbacane, il visitatore è immerso nell'universo carcerario del Medioevo: la torre Luigi XI, il martelet (torre che permette di scendere alle segrete), la salle de la question (sala dedicata alla tortura), la sala dei graffiti, le segrete, le fortificazioni ed i sotterranei…Non lontano dalla casa del governatore, il giardino medievale con la sua pergola, i suoi sedili di prato e le sue barriere di vimini vivente offre un contrasto singolarmente sereno in questo ambiente opprimente.Nelle sale degli appartamenti reali sono presentati begli arazzi fiamminghi, armature e dipinti come la prestigiosa pala d’altare del Liget o La Passion du Christ attribuita a Jehan Poyet (XV sec.).

Per saperne di più