©C.Mouton/CRT Centre Val de Loire - Castello di Sully-sur-Loire ©C.Mouton/CRT Centre Val de Loire - Castello di Sully-sur-Loire ©P.Forget/CRT Centre Val de Loire - Castello di Sully-sur-Loire ©P.Bousseaud/CRT Centre Val de Loire - Castello di Sully-sur-Loire ©M.Berger/CRT Centre Val de Loire - Castello di Sully-sur-Loire ©Henneghien/CRT Centre Val de Loire - Castello di Sully-sur-Loire ©P.Forget/CRT Centre Val de Loire - Castello di Sully-sur-Loire
CASTELLO DI SULLY-SUR-LOIRE
CASTELLO DI SULLY-SUR-LOIRE
CASTELLO DI SULLY-SUR-LOIRE
CASTELLO DI SULLY-SUR-LOIRE
CASTELLO DI SULLY-SUR-LOIRE
CASTELLO DI SULLY-SUR-LOIRE
CASTELLO DI SULLY-SUR-LOIRE
CASTELLO DI SULLY-SUR-LOIRE
CASTELLO DI SULLY-SUR-LOIRE
CASTELLO DI SULLY-SUR-LOIRE

DESTINO DEL CASTELLO DE SULLY-SUR-LOIRE

Une costruzione misteriosa

Il castello di Sully è situato all’incrocio di poù strade: tre terrestri e una fluviale. È proprio questa posizione in un crocevia commerciale che ne ha motivato la costruzione, senza che si possa dire precisamente a che epoca risalga.

Bisogna aspettare l’anno Mille e l’insediamento del casato dei signori di Sully per avere la certezza dell’esistenza di un castello a Sully. Ma esistono ancora delle domande senza risposta: quali erano esattamente le piante? E in quale luogo preciso?

Un passato ritrovato

Alla fine del 1300, la famiglia di La Trémoïlle, nuovo signore di Sully, ordina all’architetto Raymond du Temple, per difendere il passaggio della Loira, la costruzione di un maschio che ancora oggi conferisce la struttura di base al castello.

Nel 1602, Maximilien de Béthune, marchese di Rosny e ministro di Enrico IV, acquista la signoria di Sully: sarà il proprietario più famoso del castello.

Un proprietario illustre

Maximilien de Béthune nasce nel 1559 nel suo castello di Rosny-sur-Seine (Yvelines). Protestante, sfugge nel 1572 al massacro della Saint-Barthélemy. Trascorre la sua gioventù combattendo a fianco dl futuro Enrico IV e partecipando alla riconquista del regno.

AA partire dal 1598, si lancia nell’opera di risanamento della Francia stravolta 30 anni di guerre di religione. Principale ministro ed amico fedele del re, accumula le cariche, soprattutto quella estremamente importante di Sovraintendente delle Finanze. Risana le finanze, sviluppa l’agricoltura, il commercio, le fortificazioni e la rete stradale.

Nello stesso tempo, accumula un’enorme fortuna terriera e, nel 1602, acquista il castello di Sully-sur-Loira, dove realizza degli importanti lavori.

Nel 1606, Maximilien de Béthune è all’apogeo della sua gloria: diventa duca e pari di Francia. È a quest’epoca che prende il nome della sua tenuta e passerà quindi alla storia sotto il nome di Sully.

In seguito alla morte del re (1610), comincerà a dare le dimissini da tutte le sue cariche a partire dal 1611. Si dedica quindi alla gestione della sua immensa fortuna e alla redazione delle sue memorie, les Oeconomies Royales (stampate a Sully nel 1638).
Maximilien de Béthune muore nel suo castello di Villebon (Eure-et-Loir) nel 1641, all’età di 82 anni.

Per circa quattro secoli, il castello resterà proprietà della famiglia dei discendenti del Duca di Sully.
Diventato “monument historique” nel 1928, il castello di Sully-sur-Loire è proprietà del Conseil général du Loiret dal 1962.